COMUNICAZIONE NON VERBALE O COMUNICAZIONE NON CONSAPEVOLE?

Per capire la comunicazione non verbale ci vuole intuito e sesto senso.

Ti è mai capitato di vedere un film di fantascienza dove qualcuno riusciva a prevedere le intenzioni degli altri? Ti è mai successo di sapere in anticipo le azioni che altre persone stavano per compiere? O qualsiasi altro evento che stava per succedere? Il tuo “sesto senso” era in azione!

Non stiamo parlando di ciò che molti appassionati di comunicazione non verbale ben conoscono. Non stiamo parlando dell’analisi – per esempio – delle microespressioni nate dagli studi dello scienziato Paul Ekman e che hanno ispirato la famosa serie televisiva Lie to me. Ovviamente, lungi da noi l’idea di parlare di strane forme di magia bianca o nera. Queste cose le lasciamo ad altri. Noi ci accontentiamo della scienza!  🙂

Molti sanno che la comunicazione tra le persone passa principalmente attraverso il canale non verbale e probabilmente qualcuno di voi avrà già letto gli articoli del nostro blog che parlano di questo. Ecco l’apposita sezione linguaggio del corpo. linguaggiodelcorpo

Per esempio, alcuni sanno che è possibile distinguere il sorriso vero da quello finto.  La differenza sta nel fatto che i muscoli facciali del sorriso vero interessano anche la parte superiore della faccia intorno agli occhi, mentre il sorriso finto muove esclusivamente i muscoli intorno alla bocca.  In pratica, quando sorridiamo per una questione di forma e di convenienza sociale, muoviamo la bocca in modo da dargli la forma del sorriso, ma siccome il sorriso stesso non è spontaneo, non si muovono anche i muscoli intorno agli occhi.

Bene, fino qua non ci sono novità di rilievo per noi che ci occupiamo di comunicazione non verbale e di linguaggio del corpo. Questa è una storia vecchia è risaputa. Però è molto interessante scoprire le conclusioni alle quali sono arrivati i ricercatori dell’Università di Bangor  nel Galles (UK). Questi scienziati sono riusciti a dimostrare che la percezione del sorriso falso o vero arriva al nostro cervello prima ancora del sorriso stesso! 

I ricercatori hanno applicato dei sensori sul volto di coppie di persone che non si conoscevano e che iniziavano a parlare e a conoscersi e si sono accorti che nel volto di ognuno i muscoli del sorriso finto o del sorriso vero si predisponevano al movimento prima che nell’altro soggetto scattasse  il sorriso per l’appunto finto oppure vero. Questo perché spesso nel comunicare imitiamo involontariamente le espressioni altrui.

In questo modo si è dimostrato che la nostra comunicazione non verbale riesce ad interagire con gli altri mandando dei segnali che consapevolmente nessuno di noi è in grado di individuare: essi spesso rimangono a livello inconscio. Tutto il nostro corpo è dotato di sensori percettivi particolari che non tutti conoscono, ma che ci danno la possibilità percepire (anche se a livello inconscio) la dinamica energetica reale di un determinato contesto energetico.  sestosenso

In altre parole, la relazione tra esseri umani è sempre un rapporto di energie. Quindi, la comunicazione non verbale è già un fenomeno esterno e visibile. La causa  di quel fenomeno sta spesso in un atteggiamento psicologico (una simpatia o un’antipatia, un’immagine negativa o positiva, un determinato stato d’animo, un sentimento o un’emozione, ecc.). Tu non lo vedi, ma lo puoi cogliere prima ancora di vederne l’effetto sul volto e sul corpo dell’altro. Ecco perché possiamo addirittura prevedere cose che altri stanno per fare. 

Beh, affascinante no? 

Fabiola&Paolo

dire no linguaggio corpo comunicazione persuasione

P.S.

Tu sai che se dicessi “no” al momento giusto, staresti meglio. Guadagneresti più tempo per te e per le cose che ti interessano. Una piccola parola, “NO”, ti risolverebbe molti problemi della vita. Eppure, spesso hai difficoltà a pronunciarla!

Vuoi imparare a dire di no senza sentirti in colpa? CLICCA QUI e scopri di più

 

Guarda i nostri filmati sul linguaggio del corpo nella seduzione e nel corteggiamento nel nostro canale YouTube:

Linguaggio del corpo maschile nella seduzione: lui è in piedi – Il linguaggio del corpo non mente mai. Se gli piaci, il suo linguaggio del corpo darà chiari e inequivocabili segnali di attrazione. Il linguaggio del corpo maschile è più semplice, più povero di segnali, ma molto più diretto rispetto a quello femminile. Impara a leggere il linguaggio del corpo maschile nel corteggiamento e nella seduzione se vuoi capire di più degli uomini. 

Linguaggio del corpo maschile nella seduzione: lui cosa tocca?  – Il linguaggio del corpo maschile è più semplice, più povero di segnali, ma molto più diretto rispetto a quello femminile. Se gli piaci, lui tende ad avvicinarsi e a toccare i tuoi oggetti …se non può toccare te! Impara a leggere il linguaggio del corpo maschile nel corteggiamento e nella seduzione se vuoi capire di più degli uomini. 

Il linguaggio del corpo femminile nella seduzione e nel corteggiamento: lei come si muove?  – Il linguaggio del corpo non mente mai. Se le piaci, il suo linguaggio del corpo darà chiari e inequivocabili segnali di attrazione. Impara a leggere il linguaggio del corpo femminile nel corteggiamento e nella seduzione se vuoi capire di più delle donne. 

Per le foto ringraziamo CREDITS

Ci occupiamo spesso di linguaggio del corpo, tecniche di comunicazione, attrazione sessuale e comportamento maschile e femminile nella seduzione e nel corteggiamento, quindi… torna a trovarci!

Articoli correlati:

8 Responses to COMUNICAZIONE NON VERBALE O COMUNICAZIONE NON CONSAPEVOLE?

  1. Mila ha detto:

    Buonasera, vorrei porre alla vostra attenzione una curiosità.
    Esco da due mesi con un uomo più grande di me.
    Dopo aver fatto l’amore, rimaniamo abbracciati, io sono sdraiata sul fianco.
    Subito, lui, con la sua gamba sinistra, circonda le mie gambe e le porta verso di lui, attaccandole al suo corpo.
    Cosa indica?
    Grazie mille, saluti

    • Fabiola&Paolo ha detto:

      Mila, sei fortunata perché frequenti un uomo coccolone e affettuoso.
      Normalmente gli uomini, dopo il sesso, preferiscono allontanarsi fisicamente. Distrarsi, magari fumando una sigaretta o accendendo la TV.
      Quindi, cosa possiamo dirti? Goditela finché dura!!

      F&P

  2. Giuseppe Giordo ha detto:

    Io sono un ragazzo di 22 anni che studia Ingegneria al politecnico di Torino. Ma per pagarmi le tasse e il collegio ho avviato un lavoro da Promoter. Ho a che fare col pubblico, ma non in veste confidenziale, e mi sono accorto delle mie enormi lacune. Con voi sto scoprendo tante cose nuove e io ne sono entusiasta perchè mi state semplificando la vita! 🙂 Mi piacerebbe partecipare ai vostri corsi vi mando un altro grande abbraccio Fabiola&Paolo
    Giuseppe

  3. Marino P. ha detto:

    Buongiorno, abbiamo già parlato in passato di questo argomento, ma ne approfitto per fare un approfondimento.
    Naturalmente parliamo di segnali non verbali che una mia collega mi manda, parliamo di mani fra i capelli, spostamento dei capelli per mostrare il collo e parte delle spalle, contatto fisico, sguardo fisso su di me ed anche morso del labbro. (giusto per citarne qualcuno)
    Tutto fa intuire ad una buona attrazione nei miei confronti, ma mi chiedo, parlavamo di lavoro, anche se eravamo soli in ufficio, questi segnali potrebbero essere per “l’eccitazione” del lavoro di cui stavamo discutendo? O questi segnali nascono per l’attrazione a la persona presente e non per l’argomento lavorativo in discussione?
    Grazie e vi attendo a Roma

    • Fabiola&Paolo ha detto:

      Ciao Marino.
      Se l’attrazione fosse per il lavoro svolto i segnali del corpo sarebbero totalmente diversi. Pertanto, da quello che ci racconti, sembra proprio che l’attrazione sia rivolta a te!
      Siccome non è la prima volta che ci racconti questa storia, la domanda sorge spontanea: che aspetti?! 😉

      A presto e facci sapere
      Fabiola&Paolo
      in2xte

  4. Alfio_tt ha detto:

    Assolutamente straordinario… in pratica la prova che esiste il sesto senso! Molto interessante anche il fatto che fate cenno alle microespressioni. Perché non pubblicate un articolo che ci spieghi qualcosa in proposito? Grazie ciao Alfio

    • Fabiola&Paolo ha detto:

      Ciao Alfio.
      “Lie to me” ha colpito ancora?! What’s America?
      Le microespressioni sono una forma tra le tante possibili del linguaggio del corpo. Sono anche molto difficili da individuare e interpretare – proprio perché “micro” – rispetto a tante altre molto più evidenti e plateali.
      Comunque, cercheremo di accontentarti quanto prima.
      Fabiola&Paolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *