PENSIERO POSITIVO? FACILE A DIRLO …E ANCHE A FARLO! (2° parte)

Ecco le tue 7 convinzioni per il pensiero positivo

Come promesso, eccoci di nuovo con le restanti 5 importantissime convinzioni per il pensiero positivo. Ricordi le prime 2? No?! Allora rileggi la 1° parte dell’articolo, poi continua la lettura di questo.

Convinzione 3.

TUTTO QUELLO CHE MI SUCCEDE È MIA RESPONSABILITÀ

Può sembrare una contraddizione con il pensiero positivo, invece è l’unico modo che hai per avere sempre in mano le redini della tua vita. Se pensi che quello che ti succede sia colpa o merito di qualcun altro, stai mettendo il tuo destino nelle mani di un altro diverso da te.

La tua vita è il frutto delle tue scelte e delle tua azioni. Puoi pensare: “Ma non è vero che tutto dipende da me! Per esempio un incidente o una malattia …mica me le vado a cercare! Nonostante tutta la mia buona volontà, possono capitarmi”.

È vero, però da te dipende il modo in cui reagisci a quell’evento. Rileggi la CONVIZIONE 1.

Convinzione 4.

NESSUNO È PERFETTO. NEANCHE IO.

…e meno male! Altrimenti sai che noia!! 😆 Se vuoi essere una persona serena, con un pensiero positivo, devi prendere atto che l’essere umano è pieno di contraddizioni, di limiti, di paure. Tu non fai eccezione.

Alcune persone sono perfezioniste. Non accettano il compromesso, non tollerano cedimenti, latitanze, piccole bugie… insomma gli inevitabili difetti di qualsiasi ambiente umano. Si potrebbe anche pensare che in fondo abbiano ragione, ma il loro continuo voler approfondire, stigmatizzare, puntualizzare, li rende antipatici un po’ a tutti.

Sono persone poco sensibili alla debolezza propria e altrui. Non conoscono il pensiero positivo. Sebbene spesso si pensi il contrario, le persone intransigenti oltre il limite sono persone insicure. I caratteri vincenti, in una parola assertivi, sono flessibili e amorevoli.

Convinzione 5.

LE RELAZIONI UMANE SONO LA MIA RISORSA.

Le persone dotate di pensiero positivo amano la relazione con gli altri, nutrono per gli altri il massimo rispetto e sanno trarre il meglio da ciascuno, che sia un amico, un collaboratore o il proprio partner.

Ognuno di noi ha bisogno degli altri e della relazione umana. Siamo come gocce dell’oceano: se stiamo insieme siamo oceano impetuoso e vivo; se siamo in solitudine sullo scoglio ci secchiamo al sole.

Peters e Waterman (autori del libro “In Search of Excellence”), studiando le cause del successo di alcune aziende, sono arrivati alla conclusione che una delle principali è proprio il rispetto e l’attenzione per i collaboratori. “Nelle aziende che hanno raggiunto l’eccellenza non c’è tematica più pregnante del rispetto dell’individuo” affermano.

pensare positivo legge attrazioneSiamo umbri e proprio qui, sul nostro territorio, abbiamo una realtà aziendale conosciuta non solo per i suoi prodotti di altissima qualità, ma anche per la sua grande valenza etica.

Brunello Cucinelli, il re del cashmere, stilista, imprenditore e filantropo italiano famoso nel mondo, guida  un’impresa sana, con 1.300 dipendenti (pagati almeno il 20% in più rispetto alle realtà concorrenti) e con ricavi nel 2014 per 355,8 milioni (+10,3% in 12 mesi).

La stessa verità vale anche nel microcosmo delle coppie e delle famiglie. I ménage che funzionano sono quelli in cui i componenti si stimano e si rispettano a vicenda.

linguaggio corpo gesti comunicazione verbale pnl PDF GRATIS

Convinzione 6.

LA VITA È GIOCO.

Puoi affrontare la vita e il lavoro in due modi. Il primo è come una serie di oneri, doveri noiosi e inevitabili. Il secondo è come un gioco, l’espressione rilassata e serena delle tue possibilità e disponibilità.

Ovviamente vivere la vita e il lavoro come un gioco non significa non prendere le cose sul serio. Significa fare ciò che si ama e amare ciò che si fa. Confucio afferma:

“Scegli il lavoro che ami e non dovrai lavorare neanche un giorno in vita tua”.

Pablo Picasso una volta dichiarò:

“Quando lavoro gioco e mi rilasso. Al contrario, non fare niente e intrattenere i visitatori mi stanca”.

Un altro esempio siamo proprio noi. Quando registriamo un nuovo tutorial per il nostro canale YouTube o un audio per nostro podcast, quando prepariamo e-book o teniamo un corso, ci divertiamo davvero! Ridiamo, scherziamo, facciamo battute e raccontiamo aneddoti. Tanto che una volta ridevamo così tanto che ci siamo guardati e ci siamo detti: “Siamo proprio sicuri che questo è lavoro?”

Anche se non sempre puoi concederti la fortuna di svolgere un’attività gratificante, puoi cercare di arricchirla con nuove motivazioni stimoli. Vedere tutti gli aspetti positivi. Insomma, affrontarla con un pensiero positivo.

Convinzione 7.

NON C’È SUCCESSO DURATURO SENZA IMPEGNO.

Non è la contraddizione del punto precedente, anche se – a prima vista – potrebbe sembrare. Hai mai osservato un bambino quando gioca? Fallo perché ti incanta! Lui è molto serio. Non c’è nulla di più serio del gioco preso seriamente!

pensiero positivo 2Le persone con pensiero positivo sono quelle che, oltre ad amare ciò che fanno, credono anche nell’importanza di impegnarsi fino in fondo. Pensa che uno dei test per verificare la positività di una persona è osservare quanto è abile nel gioco: l’impegno che ci mette, partita dopo partita, cercando di affinare la sua abilità.

Lo stesso vale anche per l’artigiano, il manager, l’insegnante, l’imprenditore, l’artista, l’uomo d’affari, il padre di famiglia, lo scienziato, l’allievo, ecc. La personalità di un uomo e di una donna la si capisce soprattutto da quanto impegno ci mette nel fare ciò che fa.

Viviamo in una società ricca di talenti e di potenzialità, ma fortemente competitiva. Il talento ci aiuta molto, ma non basta. Per essere una persona positiva, capace di dirigere se stessa e gli altri, devi dimostrare anche determinazione e impegno costante.

Naturalmente, più “fai ciò che ami” e “ami ciò che fai”, meno pesante ti sembrerà questo impegno, anche se ci investi gran parte delle risorse e del tempo!

 

…e adesso? Adesso datti da fare! PENSA POSITIVO!!

Fabiola Sacramati & Paolo Sciamanna

P.S.
Prima di salutarci, rispondi a questa semplice domanda: vuoi imparare a dire di no senza sentirti in colpa?

cover direno2Tutto quello che devi fare è scaricare subito il mentalbook

Cosa Fare Quando

VUOI DIRE DI NO

Senza Sentirti In Colpa

In questo mentalbook trovi tecniche e stratagemmi che ti permettono di imparare a dire no a chi lo merita, nel momento e nel modo giusto, guadagnando tempo per te e godendoti una vita più tranquilla e soddisfacente.   CLICCA QUI e scopri di più!

Guarda i nostri filmati sulla comunicazione umana: l’ascolto attivo: nella comunicazione umana l’ascolto attivo è l’elemento fondamentale. Se sai ascoltare, comunichi in modo efficace. La comunicazione umana interpersonale è soprattutto capacità di ascolto attivo. Ci preoccupiamo troppo di “saper parlare” per comunicare bene. Dovremmo invece preoccuparci di più di “saper ascoltare”. L’ascolto attivo è capacità di comunicazione! parlare in pubblico – Il “decollo” è la fase iniziale del parlare in pubblico, quella dove – con poche battute e in una manciata di minuti – devi conquistare il tuo pubblico e convincerlo che val la pena ascoltarti. Se affronti bene la fase iniziale del parlare in pubblico, il resto è in discesa. Se sbagli proprio in questa fase iniziale del parlare in pubblico… tanti auguri! comunicazione non verbale – Comunichiamo con le parole o con il corpo? La comunicazione non verbale e paraverbale rappresenta oltre il 90% della comunicazione umana: le tecniche di comunicazione lo sanno bene! In questo video vedi come usare il linguaggio del corpo per comunicare senza equivoci. Il linguaggio del corpo non mente mai. seduzione e corteggiamento: il linguaggio del corpo maschile quando lui è in piediIl linguaggio del corpo non mente mai. Se gli piaci, il suo linguaggio del corpo darà chiari e inequivocabili segnali di attrazione. Il linguaggio del corpo maschile è più semplice, più povero di segnali, ma molto più diretto rispetto a quello femminile. Impara a leggere il linguaggio del corpo maschile nel corteggiamento e nella seduzione se vuoi capire di più degli uomini.  seduzione e corteggiamento: il linguaggio del corpo femminile – Il linguaggio del corpo non mente mai. Se le piaci, il suo linguaggio del corpo darà chiari e inequivocabili segnali di attrazione. Impara a leggere il linguaggio del corpo femminile nel corteggiamento e nella seduzione se vuoi capire di più delle donne seduzione e corteggiamento: il linguaggio del corpo maschile quando lui tocca gli oggetti – Il linguaggio del corpo maschile è più semplice, più povero di segnali, ma molto più diretto rispetto a quello femminile. Se gli piaci, lui tende ad avvicinarsi e a toccare i tuoi oggetti …se non può toccare te! Impara a leggere il linguaggio del corpo maschile nel corteggiamento e nella seduzione se vuoi capire di più degli uomini. 

 

Per le immagini ringraziamo CREDITS

Articoli correlati:

2 Responses to PENSIERO POSITIVO? FACILE A DIRLO …E ANCHE A FARLO! (2° parte)

  1. Elio ha detto:

    LA VITA E’ UN GIOCO. Bello questo punto, a volte siamo troppo presi dalla quotidianità e dalla routine per ricordarlo.
    Mi piacerebbe vedere quando lavorate e vi divertite!
    grazie
    Ciao
    ELIO S. Genova

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *