TECNICHE DI VENDITA: 4 GRADINI DI DOMANDE PERSUASIVE IPNOTICHE

tecniche vendita persuasiva ipnotica

Il mondo è ancora pieno di figli delle tecniche di vendita degli anni 60 e 70!

Era un cliente importante, da tempo sperava di poter provare su di lui la sue tecniche di vendita “perfette”.

E allora si è presentato, ha parlato approfonditamente di se stesso, della sua azienda, degli importanti risultati raggiunti dal marchio che stava per proporre.

Poi ha iniziato a presentare il suo prodotto di punta, con entusiasmo, convinzione (del resto secondo lui le tecniche di vendita “perfette” dicevano questo). 

Il suo linguaggio del corpo lasciava trasparire che era perfettamente convinto di quello che diceva.

Si rendeva conto che andava veramente forte, per almeno 20 minuti. Come un treno. Sembrava un attore da Oscar, ma… finito lo show, il cliente gli dice, con aria distratta ed annoiata: “ah vabbè ci penserò su…”

Lo sai vero che cosa ha sbagliato? Questo venditore non sapeva la regola d’oro delle tecniche di vendita, lo slogan che dice…

CHI DOMANDA COMANDA!

tecniche vendita persuasione

Ancora moltissimi venditori pensano che davanti ad un cliente devi parlarti addosso per interi quarti d’ora, raccontare minimi dettagli su te e la tua azienda.

Poi, senza neanche riprendere fiato, partire a testa bassa con il prodotto che la tua azienda ti ha detto di vendere, quello che adesso è il caso di vendere, oppure quello sul quale tu guadagni di più. Insomma qualsiasi cosa stia bene a te purché si venda!

E questo si insegnava nei corsi di tecniche di vendita degli anni 60 e 70. Beh la maggior parte dei venditori in Italia non è che sia andata molto oltre.  😥 

Anzi, per dirla tutta, la maggior parte delle persone che in Italia si occupano di vendita probabilmente non ha mai letto un libro sulle tecniche di vendita

Ma torniamo a noi, è proprio qui il punto. Che cosa vuoi vendere se quel cliente non ha nessun interesse verso il tuo prodotto, anzi per la verità probabilmente non lo ha neanche verso di te?!

Fino agli anni ’70 era normale, l’offerta era scarsa, non c’erano poi così tanti concorrenti. Quello che arrivava prima e si parlava addosso per una mezz’oretta di seguito era quello che vendeva!

In poche parole quelle tecniche di vendita andavano bene, allora. Oggi le regole sono cambiate, e neanche poco.


Prima di iniziare ti ricordiamo lo straordinario, indispensabile e-book.

Un manuale pratico che, in 7 giorni, ti permette di applicare le più

avanzate strategie di chiusura nella vendita

chiusura trattativa tecniche di vendita

STRATEGIE AVANZATE DI CHIUSURA DELLA VENDITA


Allora cominciamo a mettere in fila alcune cose da fare e alcune da non fare. Intanto c’è una regola d’oro che dice:

 prima il cliente compra te poi, forse, compra anche qualcos’altro.

Qui non si tratta solo di tecniche di vendita. Ognuno di noi, prima di condividere qualsiasi cosa con un’altra persona, prima, vuole “comprare” questa persona, farsi in un certo senso conquistare da lei.

Se già tu sei sembrata una persona noiosa, concentrata solo su se stessa, completamente disinteressata a capire le esigenze di colui al quale vorresti vendere qualcosa…  parti veramente con il piede sbagliato.

Altro che tecniche di vendita, questo è buon senso! 

tecniche di vendita domande persuasive ipnoticheMa adesso concentriamoci su un altro punto, quello proprio dell’analisi delle esigenze del cliente. Vendi prodotti in un negozio? Oppure sei un rappresentante? O magari un venditore che deve andare presso l’ufficio, l’azienda, la casa del suo cliente?

La prima cosa da fare è capire la persona che hai di fronte! Capire le sue esigenze, capire i suoi problemi, spesso farli capire anche lui. Sei d’accordo? 

Vediamo quindi, con le opportune tecniche di vendita, come si riesce a far sì che chi domanda comanda” non sia solo uno slogan fine a se stesso.

Vediamo delle tecniche di vendita che usano una sequenza persuasiva di domande mirate. Le domande da fare al cliente sono suddivise in quattro categorie successive, che devono arrivare una dopo l’altra.

Attenzione non si deve trattare di un interrogatorio, OK? Sono domande, molto spesso aperte, che servono a stimolare un dialogo costruttivo e collaborativo con il tuo cliente. Il tuo cliente non si deve sentire come se fosse dentro un film poliziesco dove lui sta seduto e qualcuno, con una lampada sparata sugli occhi, gli chiede di tutto e di più.

Quindi domande mirate che servono a stimolare un dialogo costruttivo e ipnotico,che attira il tuo cliente verso la presentazione di una proposta commerciale. 

tecniche di vendita persuasiva ipnoticaVediamo come funzionano queste tecniche di vendita, devi andare avanti seguendo i 4 gradini delle domande persuasive.

Primo gradino: domande sul CONTESTO.

Domande che servono a capire la situazione del cliente prima di riuscire ad individuare qualche sua esigenza, qualche sua necessità.

Qualche esempio potrebbe essere:

Dove abita?, Qual è la vostra attività?, Quali prodotti lavorate in questa azienda?, Perché fate questi tipi di lavorazioni? 

Come vedi sono domande aperte, in qualche caso spalancate. Si cerca di far raccontare al cliente il contesto all’interno del quale noi cerchiamo qualcosa che non va.

Questa tecnica di vendita persuasiva prevede che subito dopo si passi alle domande sui problemi. Logico no? Una volta che il cliente, per esempio ti ha detto:

“siamo dei grossisti, riforniamo con due nostri furgoni alcuni negozi qui nella costa durante la stagione estiva“.

Se tu, per ipotesi, sei un venditore di servizi di consegne rapide di merci, a questo punto puoi aver capito una cosa che non va benissimo, in quel periodo. Potrebbe essere la difficoltà ad accontentare tutti quei negozi in un periodo di lavoro così serrato.

Secondo gradino: domande sui PROBLEMI.

video corso tecniche vendita gratis

La domanda sarà, per esempio: “il numero di ordini e di merci da consegnare è elevato. Come fate a consegnare tutto in quel periodo?“.

Il tuo cliente potrebbe dirti: “sì effettivamente lei ha colpito proprio nel segno. Noi alcune di quelle consegne non riusciamo a farle, quindi alcuni ristoratori sono un po’ scocciati. Ma non siamo mica Superman non possiamo fare tutto!”

Bene! Se sei riuscito a far dire questo, stai usando in maniera eccellente queste tecniche di vendita, perché hai raggiunto due risultati molto importanti. 

Il primo risultato è di aver identificato un problema. 

Il secondo è di averlo fatto dire al cliente con la sua voce.

Non sei tu a dire: “sono sicuro che lei non riesce a fare tutte le consegne in quel periodo” con atteggiamento presuntuoso come fanno molti venditori. 

E se per caso invece poi questo problema non c’è? Pensa che bella figura di persona supponente ed antipatica avresti fatto. 

tecnica vendita persuasiva ipnotica domandeArrivati a questo punto passi al terzo gradino: domande sugli EFFETTI.

Chiedi al cliente gli effetti del problema che lui ha appena detto di avere.

La domanda potrebbe essere:

“quanto fatturato perde per queste consegne che non riuscite a fare?“.

Il cliente potrebbe risponderti:

“abbiamo fatto un conto approssimativo, perdiamo circa 5000 euro di fatturato ogni stagione.

Non è tantissimo, ma neanche poco, noi siamo dei piccoli grossisti e quella cifra ci farebbe comodo.”

Arrivati qui passi all’ultima categoria di domande.

Quarto gradino: domande sulle SOLUZIONI.

Potrebbe essere:

“vista la sua esperienza quale soluzione ci potrebbe essere?”.

Qui il cliente potrebbe risponderti:

“abbiamo pensato a una soluzione. Ci vorrebbe una persona con un suo furgone che noi chiamiamo, al volo, anche poche ore prima o la sera precedente. Arriva e consegna le quantità che noi non riusciamo a portare…”

e tu:

“perfetto noi abbiamo un servizio che si chiama quick last minute. Un autista con un suo furgone che arriva, anche con poche ore di preavviso e fa le consegne che voi non riuscite a fare.”

tecniche vendita persuasiva ipnotica domandeVedi la differenza? Quante volte ti è capitato un venditore che ti ha proposto una soluzione che a te non serviva? Ripensandoci hai capito che quella persona non aveva fatto un minimo di indagine sulle tue esigenze. 

Quindi prova, metti in pratica questa semplice, ma potente, tecnica di venditaFai domande al tuo cliente, fallo parlare. 

Segui la sequenza di domande persuasive ipnotiche che ti abbiamo appena indicato. Vedrai i tuoi clienti molto, molto interessati ad ascoltare le soluzioni che hai da proporre.

Adesso, se hai usato questa tecnica di vendita, scrivi qui sotto i tuoi risultati, le tue impressioni, le tue critiche. Noi rispondiamo sempre a tutti!

Fabiola Sacramati & Paolo Sciamanna

tecniche vendita persuasione obiezione

 

 

16 Responses to TECNICHE DI VENDITA: 4 GRADINI DI DOMANDE PERSUASIVE IPNOTICHE

  1. marco ha detto:

    Buongiorno e complimenti per l’articolo. Io sono un venditore di prodotti alimentari per bar e pizzeria. Rappresento un azienda non molto conosciuta nel mio territorio e mi trovo a scontrarmi con commerciali radicate da anni. Il problema sta che tra tutti i competitor offriamo sempre lo stesso prodotto o servizio e anche facendo domande aperte, magari tentando di trovare un’esigenza specifica di un potenziale cliente, abbiamo tutti bene o male gli stessi prodotti da offrire. Differenziarsi non e’ semplice purtroppo. Su che tipo di argomentazione potrei basare la mia domanda ipnotica? Grazie mille per un eventuale suggerimento.

    • FabiolaPaolo ha detto:

      Ciao Marco, grazie dei complimenti. Purtroppo l’analisi l’hai fatta già da solo. Avete tutti prodotti simili, non c’è differenza tra uno e l’altro. Prima di pensare a quale tecnica di vendita usare, devi trovare, o meglio la tua azienda dovrebbe farlo, elementi di differenziazione che vi facciano percepire come un’azienda che ha delle qualità diverse da quelle dei concorrenti.
      Saluti
      Fabiola e Paolo.

  2. Francesca ha detto:

    Buonasera, articolo molto interessante, come tutti gli altri che avete pubblicato. Come posso applicare questa tecnica sul settore della formazione (corsi di formazione) ?
    grazie
    Buona serata

    • FabiolaPaolo ha detto:

      Ciao, Grazie dei tuoi complimenti li apprezziamo molto.
      Nel business deoformazione non cambia lo schema, cambiano gli argomenti che tratti.
      Le domande saranno basate su quello che quella persona non riesce ad ottenere perché manca di competenze specifiche.
      Poi si andrà a valutare i danni che subisce a causa di questo, poi si passa alla proposta.
      Solito schema, cambiano gli argomenti e le tematiche.
      Ciao ?

  3. Ermanno ha detto:

    Ciao ragazzi
    Vi ringrazio del corso che è bellissimo!
    Fondamentalmente il mio problema è questo:
    Offriamo un servizio di analisi gratuita dell’appoggio plantare, come servizio omaggio per poi riuscire a concludere vendendo il plantare di cui hanno bisogno.
    Tutto meraviglioso, fino a quando arrivò alla domanda: cosa vuol fare? Facciamo il plantare? Sicuramente è qui che sbaglio, e proverò ad usare la tecnica del take away, perché le altre a grandi linee non si confanno al tipo di prodotto.
    Mi troverò in difficoltà perché gli chiederò che numero di scarpa portano per andare a prendere la soletta per il plantare. E loro mi rispondono normalmente: “ci penso, non ho i soldi con me, devo chiedere a mio marito ecc ecc”
    Questo forse perché non tutti sono in target (gli sportivi vengono già con l’idea di realizzare il plantare) è magri vogliono solo sapere come sta il loro piede. Non ho possibilità di fare altri contatti con il cliente a meno che non sia intenzionato è la scusa di cui sopra non sia vera (non hanno realmente i soldi con se).
    Poi alcuni tornano la settimana dopo a farlo, ma molti non tornano più.
    Mi faccio lasciare la mail, per poi inserirli in un funnel in cui gli do sempre nuove comunicazioni.
    Però mi rimane sempre la difficoltà della domanda finale: lo facciamo subito o ci vuole pensare? Non gli dico ovviamente se ci vuole pensare, ma mi manca un gancio per concludere subito.
    Ho trovato molti spunti.
    Molte volte capita che le persone facciano la prova xche e’gratuita, però hanno comunque bisogno del plantare. Sono persone che non sono pronte a spendere, quindi provo con le mail, ma mi piacerebbe trovare una tecnica conclusiva che aumenti le vendite (altrimenti perché hanno voluto fare una prova gratuita? A parte i pochi scrocconi professionisti).
    Avendo capito più o meno le mie difficoltà, cosa mi consigliate?
    Io ho pensato alla strategia “take away”, ma se mi consigliaste sarei felicissimo.
    Grazie tantissimo

    • FabiolaPaolo ha detto:

      Ciao Ermanno, grazie per i complimenti che immaginiamo si riferiscano al nostro video corso gratuito.
      Per quanto riguarda la chiusura ottimale dipende essenzialmente non solo dal tipo di prodotto, ma anche dal cliente e dalla situazione che si è creata.

      La chiusura migliore è quella che avviene dopo tutto un percorso della trattativa che è andato nel migliore dei modi, dove il cliente ha sentito fortemente l’esigenza di risolvere il suo problema. Nel caso del tuo prodotto probabilmente puoi avere anche molti appigli scientifici, tramite articoli o altro. La cosa forse più potente è quella delle testimonianze scritte dei tuoi clienti soddisfatti, ancor di più se si trovano in zone vicine a quelle dove abita il cliente con il quale in quel momento stai portando avanti la trattativa. Insomma il cliente deve sentire fortemente l’esigenza di risolvere il problema che tu hai analizzato con lui e del quale hai fatto sentire la forza, proprio come nell’articolo che hai appena letto.

      Metti subito in pratica il sistema delle testimonianze di persone reali con foto reali e la loro firma come consigliamo nel nostro ebook sulla chiusura della trattativa di vendita, poi facci sapere.

      In bocca al lupo!

      Fabiola & Paolo

  4. Nicolas ha detto:

    Ottimo articolo

  5. Nicolas ha detto:

    ….fare delle domande, in modo ordinato e con uno scoop preciso come descritto da voi da ottimi risultati.

    • FabiolaPaolo ha detto:

      È vero, stupisce il fatto che così pochi venditori utilizzino la tecnica delle domande persuasive. Ciao

  6. Domenico marco cannatella ha detto:

    Salve sono marco un informatore medico e sarebbe davvero interessante sapere come applicare quesTa tecnica con i nostri clienti medici
    Complimenti comunque per queste guide molto utili

  7. Daniela Garagiola ha detto:

    Buongiorno,

    vi ringrazio moltissimo per il Vostri supporti, i vostri suggerimenti sono preziosissimi per i venditori!
    L’azienda per cui lavoro offre servizi su internet, realizzazione e posizionamento sul web di siti internet e realizzazione di campagne su FB e su Google, servizi tesi principalmente alla visibilità e reperibilità dei prodotti del clienti. I’obiezione che trovo più speso e a cui trovo difficoltà a ribattere è’ quella del “passaparola”. Credo che speso l’obiezione sia vera, lavoro in un territorio piccolo dove c’e l’abitudine di arrivare ai clienti con indicazioni o suggerimenti. A questo si aggiungi il fatto che i clienti che contatto (quelli che fanno presente questa obiezione) sono piccole attività, commercianti che lavorano molto sul territorio e che per struttura non hanno possibilità di espandersi perché lavorano in proprio, in famiglia o al massimo con un collaboratore
    Qualsiasi suggerimenti che mi permetta di abbattere questa obiezione mi sarebbe utilissima.

    Grazie mille,

    Daniela Garagiola

    • Fabiola&Paolo ha detto:

      Buongiorno Daniela, innanzitutto grazie per i tuoi complimenti. Non ci è chiaro che cosa è l’obiezione sul passaparola. Perché non ci fai un esempio specifico, una o due frasi che i clienti ti dicono e che ti mettono in difficoltà? Ti aspettiamo,
      Fabiola e Paolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *